Blog

Cosa di più folle, in questi tempi, che credere alla “cultura” ? E poi a che “cultura” credere ?
Crediamo alla cultura intesa come “coltivazione”.

Il che significa quotidianamente, metodicamente, giorno per giorno, arare, sarchiare, concimare, mondare, seminare, raccogliere, nel e dal proprio campo.
Si tratta di un “come” infinito, non di un “quale” definito.
Questo blog sarà la fiera dove si mostrano i frutti della “coltivazione”.

Benvenuto chiunque abbia raccolto dalle proprie fatiche qualcosa che sia orgoglioso e felice di condividere. Una fiera riesce bene quando molti portano prodotti di qualità
Questo blog, perciò, non è e non vuole rappresentare l’espressione di una persona sola.
Come per un’opera lirica ben realizzata (“cultura”) sono necessari spartiti, orchestra, scene, costumi, cantanti e infine, il pubblico, così per questo blog saranno necessari gli shiatsuka, operatori ed insegnanti, che, avendo esercitato esperienza e ricerca, desiderano condividerle.

Oppure chi abbia intuizioni e proposte da consolidare o esplorare.
O ancora chi abbia notizie storiche o scientifiche o bibliografiche inerenti allo Shiatsu o alla formazione di operatori ed insegnanti.
E poi ci vogliono i lettori.
Badate che leggere è una disciplina. Bisognerebbe accostarsi alla lettura con rispetto e considerazione. Pensate a quando la scrittura non esisteva. Tutto doveva essere memorizzato e riportato verbalmente o con i gesti. La scrittura, all’inizio, era riservata a sacerdoti e specialisti. Chi non ne era capace era escluso da quel mondo. Poi, nei millenni, tutto si è banalizzato. Oggi la scrittura e la lettura stanno per essere sostituiti dalle immagini.
Siamo consapevoli di cosa significa scrivere o non scrivere?
Di cosa comporta elaborare un pensiero e chiarirlo per comunicare?
Di cosa comporta usare una parola e non un’altra?
In fondo la comunicazione tramite la parola scritta è un mistero perché si tratta (in uscita) di tracciare segni che rappresentano suoni che rappresentano pensieri , per poi (in entrata) vedere i segni tracciati per interpretarli perché ridivengano pensieri, idee e/o suoni.
Quindi scrivere e leggere (e prima ancora pensare, riflettere) sono atti che vanno accostati con grande rispetto e cura.
Lo stesso rispetto e la stessa cura che tutti noi shiatsuka manifestiamo prima durante e dopo un trattamento o una lezione.
In fondo scrivere e leggere sono solo maniere di farsi sostenere da un foglio di carta.
In questa visione , perciò, un altro modo di fare pressione cioè Shiatsu o, più in particolare, Shiatsu Ryu Zo.

 


 

Essere o vivere – Il pensiero occidentale e il pensiero cinese in venti contrasti (1/26/2020) - A volte, scrivere dello conoscenza assomiglia al tentativo di definire la forma dell’acqua. Essa non ne ha poiché assume quella del recipiente che la contiene. Allora occorre esaminare il contenitore oltre al contenuto. Francois Julien, in questo libro, aiuta a comprendere quale siano le forme di due “pensieri/linguaggi”, quello cinese e quello occidentale, al fine …
Hachiriki – Centratura e disciplina evolutiva per l’operatore shiatsu (4/17/2019) - Articolo pubblicato su Shiatsu News n.62 marzo-aprile 2019 Ho iniziato a praticare lo Shiatsu come professione nel 1984. Fin da subito mi è stata chiara la necessità di mantenere bilanciate le condizioni di corpo, mente e spirito. Questo per essere d’aiuto al ricevente e, contemporaneanente, a sé stessi. Uno degli strumenti più efficaci e completi …
Shiatsu e Arte (12/19/2018) - Anni fa, in occasione della grande manifestazione nazionale di Shiatsu a Roma, trovammo un titolo che piacque subiti a tutti e che era anche una precisa collocazione di campo: “Lo shiatsu, una grande arte per la salute”. Certo collocarci in questo campo è gratificante per noi e certamente corrisponde anche al sentimento e all’immagine dello …
Kufu-e Sesshin ovvero Sesshin di lavoro (12/19/2018) - L’esercizio di riflettere su quanto facciamo e sui termini che usiamo per esprimerlo è sempre utile. Mi cimenterò, perciò, con l’esame dei termini che compongono il titolo di questo incontro e sul loro significato per me. Con quanto segue mi auguro di fornire, più che risposte preconfezionate, alcuni spunti di pensiero da elaborare. Allora iniziamo. …
Il radicamento agli/degli spiriti – La progressione didattica nella trasmissione (insegnamento) degli strumenti percettivi (12/19/2018) - Scritto prima del simposio Intervengo al riguardo senza essere al corrente del dibattito che, immagino e spero, abbia preceduto l’elaborazione del titolo. Fossi stato presente avrei avanzato la seguente domanda: stiamo usando la parola “spiriti” con quale accezione? Se, infatti, si usa la parola “spiriti” con il significato con il quale lo usa Rochat de …